Prenota la tua visita gratuita: Cel 324 80 26 999 Tel 011 77 61 661 Compila la tua richiesta on line

Spesso ci chiediamo quale sia lo spazzolino più adatto a noi, la marca migliore tra tutte, se più efficace elettrico o manuale, ma la maggior parte delle volte è sufficiente uno spazzolino semplice, con un manico dritto e con setole della stessa lunghezza, di durezza media.

In alcuni casi si possono scegliere le setole morbide per non aggredire denti e gengive, soprattutto se si soffre di gengiviti o piorrea. Anche dopo un intervento importante, come un'estrazione o un'apicectomia, è utile usare uno spazzolino a setole morbide fino a completa rimarginazione della ferita. 
La testina flessibile, il manico ergonomico e le setole di lunghezze diverse sono solo accessori non indispensabili.
L’importante è utilizzarlo, bene e spesso! 
Innanzitutto, ricordiamo che è fondamentale lavare i denti per almeno 2 minuti per ottenere una pulizia accurata del cavo orale. 
Lo spazzolino va mantenuto con un'angolazione di 45° incastrando le setole nel solco gengivale; poi si effettuano dei movimenti circolari e si ruota lo spazzolino verso la corona del dente: così avrete eliminato la maggior quantità possibile di placca. 
Non meno importante è la pulizia dello spazzolino: secondo numerosi studi, anche quando ci sembra pulito, può essere contaminato da agenti potenzialmente patogeni, quali Escherichia Coli e stafilococchi.
Lo spazzolino può raccogliere batteri provenienti dagli schizzi d'acqua sporca quando ci laviamo le mani, dal WC lasciato aperto (i batteri “volano”), dalle correnti d'aria che sollevano quello che è si è depositato su qualsiasi superficie. Ecco alcuni accorgimenti utili: 
- evitare di tenere quotidianamente il proprio spazzolino in un armadietto o proteggerlo con l'apposito cappuccio in plastica, perché l'umidità che si crea all'interno favorisce la proliferazione batterica. Il discorso cambia in caso di trasporto: l'astuccio è un ottimo strumento di protezione, ma deve essere ben asciutto e pulito regolarmente;
- evitare di tenere molti spazzolini nello stesso contenitore, perché i germi potrebbero propagarsi;
- prima di maneggiare lo spazzolino, lavare bene le mani;
- per eseguire una pulizia profonda dello spazzolino, si può mettere nella parte alta della lavastoviglie e usare il normale sapone per lavastoviglie;
- sostituire lo spazzolino ogni 3-4 mesi o addirittura prima, se le setole si sono curvate;

- sostituire immediatamente lo spazzolino se cade per terra o quando entra in contatto con un ambiente a rischio batteri.

Per i nostri amici eco-friendly, cattive notizie sulle setole naturali: bocciate!
Le setole naturali tendono a spezzarsi e a staccarsi facilmente dal supporto in cui sono fissate; sono costituite da materiale organico che, a contatto con l'acqua, tende a sviluppare batteri, perchè le setole naturali non si asciugano mai del tutto. Inoltre queste setole sono sempre irregolari nella forma e con la punta frastagliata, perciò danneggiano le gengive e trattengono facilmente i residui di cibo.

SPAZZOLINO